November 26, 2015

fuck the brrrr and cordao ombelicao


*ita
uè!(così, scusass, è solo entusiasmo da cervello congelato) posto un altro schizzo a colori, un po' a caso, un po' perché ho appena finito questo libro e il cordao ombelicao m'è venuto spontaneo come la panna sulle fragole d'estàt. E comunque come si fa a odiare l'estate non l'ho mai capito. Non lo capirò mai. Meno male che ho anche ripreso a leggere il classico libro su amebe e libertà, questo qua (è del 76, e il film non l'ho visto e non lo voglio vedere) Invece a destra trovate  il classico ritratto con taaaaanto GIALLO SOLE che  me lo sogno fino a maggio di vederlo, secondo me.  Palude, gelo, tristezza. Coloro per dimenticar-vi, o emilian parcas che in casa ci vuole il pail e pure il pelook, oooookkkeeeei, mismettemmelamentà scappo ad abbraccià il forno, caro dolce amico mio.
Gnao!brrrr....azz! @..@
*eng 
hi!just a  sketch hope you like it! it's the cold that pushes me to color and color and color, hope that may will come soon. =..= see the YELLOWSUN on the right, beyond the man? Soooo imagination to know the way a sun is like now, for me, 'cause it's so cold I would need hair everywhere around me to stay ok. brrrrrrrrrrr.


No comments: